CHECK UP CALDAIA

La manutenzione degli impianti termici è obbligatoria e regolata per legge.

Oltre ad essere un obbligo di legge, tale controllo ha assunto in tempi recenti una notevole importanza in quanto consente di:

  • ridurre le emissioni in atmosfera di gas inquinanti;
  • eliminare i rischi per la tua sicurezza e quella di chi ti sta accanto;
  • consumare meno combustibile;
  • ridurre le spese per il riscaldamento

 I cittadini sono obbligati ad effettuare la manutenzione della caldaia che consiste in due differenti operazioni:

  • Pulizia
  • Controllo dei fumi

 

Pulizia della caldaia:

La frequenza della pulizia della caldaia è specificata sul libretto di istruzioni dell'impianto termico dall'installatore dell'impianto o dal costruttore dei componenti.

In assenza di queste indicazioni va fatta ogni anno.

 

Verifica del rendimento di combustione (prova dei fumi):

CALDAIE DOMESTICHE (impianti inferiori ai 35 KW)

- ogni 4 anni per caldaie installate da meno di 8 anni.

- ogni 2 anni per gli impianti dotati di caldaia di potenza inferiore a 35 Kw installate da più di 8 anni e per gli impianti dotati di caldaia ad acqua calda “a focolare aperto” installata all’interno di locali abitati.

 CALDAIE con potenza compresa tra 35 KW e 116 KW alimentate a gas

- Controllo annuale

 CALDAIE con potenza compresa tra 116 KW e 350 KW e quelle di potenza superiore ai 350KW

- Controllo due volte all'anno

 

 In queste occasioni, oltre ad aggiornare il libretto dell’impianto, il manutentore rilascia, firmandolo, un “Rapporto di Controllo Tecnico”, attestante i risultati dell’intervento.

 Il libretto d’impianto è una vera e propria carta d’identità della caldaia. Il documento deve contenere i dati del proprietario, dell’installatore e del responsabile della manutenzione. Ma anche la descrizione dei principali componenti della caldaia, gli interventi e i controlli strumentali effettuati e gli eventuali controlli operati dagli Enti Locali.

 

 BOLLINO VERDE 

                     

Il bollino verde deve essere apposto in occasione delle verifiche del rendimento di combustione ed obbligatoriamente:

-         Ogni 2 anni per gli impianti di potenza uguale o superiore a 35kw

-         Ogni 4 anni per gli impianti di potenza inferiore a 35kw

 

 Non sono soggetti :

  • Lo scaldabagno (ossia la caldaia che serve solo l'acqua sanitaria e non il riscaldamento)
  • Le stufette ed i generatori di calore di potenza inferiore ai 4 KW

 

 

DITTA ABILITATA